16 novembre 2015

Indovina chi viene a cena? Un percorso di incontri e accoglienza

Indovina chi viene a cena

I flussi migratori costituiscono uno dei temi più attuali e drammatici di questi ultimi anni. Popolazioni in fuga da fame, guerre, carestie, cambiamenti climatici, abbandonano i loro Paesi d’origine e premono ai confini dell’Europa in cerca di una vita migliore. Per la Comunità Internazionale la sfida è uscire dalla fase di emergenza e assumersi la responsabilità di porre fine a una distribuzione iniqua delle risorse e a condizioni di vita inaccettabili.

Come cittadini vogliamo fare la nostra parte.
Come associazione che lavora sui temi dell’economia solidale, della sovranità alimentare, del diritto a un cibo “buono, pulito e giusto” per tutti, ci siamo chiesti che tipo di contributo potessimo dare su un tema così importante e abbiamo deciso di aprire le nostre case, ospitando i migranti alle nostre tavole per una o più sere. Un atto simbolico, che richiama alla condivisione e alla convivialità, un gesto privato di grande fiducia che declina concretamente la solidarietà, offrendo un’opportunità di relazione.

E’ nata così l’idea di “Indovina chi viene a cena?”: un percorso sperimentale di incontri e cene, dove la cena è un pretesto, un’occasione per conoscere l’altro. Non un progetto gastronomico, quindi, ma un progetto di relazione, in cui chi partecipa sceglie di incontrare l’altro e scommette su quell’appuntamento.

Il progetto coinvolge, oltre a Filiera Corta Solidale, Caritas cremonese, Cooperativa sociale Nazareth e Cooperativa sociale Il Sentiero, che si occuperanno di selezionare alcuni ragazzi che abbiano già frequentato un corso di italiano e siano interessati a entrare in relazione con famiglie cremonesi, e il Comune di Cremona.

CONDIVIDI L’IDEA E VUOI PARTECIPARE A “INDOVINA CHI VIENE A CENA?
Scrivi una mail a: info@filieracortasolidale.it

Una volta raccolte le prime disponibilità, organizzeremo un incontreremo di presentazione con le persone interessate.

Locandina